Come trovare titoli interessanti con l'analisi tecnica: 3 metodi semplici
2776
post-template-default,single,single-post,postid-2776,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Titoli interessanti

Come trovare titoli interessanti con l’analisi tecnica: 3 metodi semplici

Come trovare titoli interessanti con l’analisi tecnica: 3 metodi semplici

Cercare titoli interessanti quando si fa trading è un compito che il trader attento deve svolgere quotidianamente. Se non si ha il tempo di cercare titoli da comprare o da vendere, sotto il punto di vista grafico, dobbiamo avere una procedura che ci permette di risparmiare tempo senza tralasciare la qualità delle occasioni di trading trovate.

Oggi voglio insegnarti 3 metodi per trovare titoli interessanti dal punto di vista grafico. Sono titoli che possono avere un andamento a rialzo o a ribasso, titoli da comprare o da vendere, azioni di Borsa migliori o peggiori.

Scopriamo cosa fare per scegliere titoli interessanti per guadagnare qualche soldino con le nostre operazioni di trading sui mercati.

3 metodi semplici per trovare titoli interessanti

Per trovare titoli interessanti dal punto di vista grafico dobbiamo applicare l’analisi tecnica sul prezzo, che sia esso un titolo di Borsa o qualsiasi altro strumento rappresentato dalle candele giapponesi.

Vediamo come fare per scoprire quando il prezzo di un titolo si trova in situazioni interessanti grazie all’analisi del grafico, la lettura dei principali indicatori e tutto quanto impareremo in questo articolo.

Partiamo subito con il primo metodo per cercare titoli interessanti.

1. TROVARE TITOLI INTERESSANTI CHE SI MUOVONO FRA SUPPORTI E RESISTENZE

Quando analizzi un titolo di Borsa in cerca delle azioni migliori, o peggiori, puoi trovare dei titoli interessanti quando osservi il loro andamento muoversi tra i supporti e resistenze.

Cercare titoli da comprare che si trovano sui dei supporti interessanti piuttosto che azioni da vendere allo scoperto perché in prossimità di resistenze è un ottima strategia di trading.

Anche se ho semplificato molto il concetto rende comunque l’idea. Vediamo qualche grafico di un titolo che balla tra un supporto ed una resistenza grafica.

Titolo interessante per fare trading

Questo grafico di analisi tecnica rappresenta l’andamento del titolo Atlantia, con un time frame settimanale.

Puoi vedere come il prezzo si muove in un rettangolo dove la parte alta funge da resistenza e la parte bassa da supporto. Essendo un grafico settimanale puoi immaginare quanto dei semplici livelli prendano importanza a livello operativo.

Questo titolo risulta interessante perché l’andamento del prezzo si sta spingendo all’attacco di una resistenza dopo aver rimbalzato su di un supporto.

Vediamo un altro esempio.

Titolo Fineco vicino resistenza

Un altro esempio di titolo interessante per eventuali occasioni di acquisto in caso di rottura verso l’alto della resistenza, occasione di vendita in caso di tenuta e respinta verso il basso. Questa volta osservando un time frame giornaliero.

I titoli da tenere sotto osservazione con questo metodo non devono per forza muoversi tra resistenze e supporti statici. Possiamo trovare occasioni interessanti anche controllando titoli di Borsa che oscillano fra supporti e resistenze dinamiche. Vediamo un esempio.

Titolo interessante con prezzo che forma un canale

In questo esempio il prezzo si muove in un canale dove la resistenza sembra farsi sentire, monitorare gli spostamenti vicino tali aree sembra essere un buon metodo per scoprire occasioni di trading.

Passiamo al secondo metodo per scoprire titoli interessanti, questa volta analizziamo le tendenze ben definite.

2. SCOPRIRE TITOLI INTERESSANTI ANALIZZANDO I TREND BEN DEFINITI

Analizzare la strada percorsa dal prezzo è un altro ottimo metodo per trovare titoli interessanti su cui fare trading.

Il trend analizzato può essere a rialzo oppure a ribasso, l’importante è trovare tendenze che siano ben definite. Passiamo agli esempi grafici.

Titolo con trend a rialzo ben definito

Il grafico che vedi mostra il trend a rialzo ben definito del titolo Unipol, le candele arrivano fino ai primi mesi del 2014.

Un trend rialzista definito e costante con spinte verso l’alto che avvenivano intervallate da pause e piccole discese del prezzo. Un titolo interessante con un trend da sfruttare operativamente a rialzo entrando in acquisto sulle piccole correzioni verso il basso.

Un trend come quello appena visto mostra le azioni in crescita dal punto di vista grafico, se stavi cercando quali azioni comprare nel 2017 allora faresti bene ad osservare quelle che mostrano dei trend rialzisti chiari e definiti.

Se devi cercare titoli interessanti da vendere allora scoperto non rimane che invertire la tendenza. Cerchiamo quei titoli con potenziali occasioni di trading sfruttabili nei trend ribassisti.

Vediamo un grafico con un titolo interessante in trend ribassista.

Titolo interessante con trend ribassista

Questo è il grafico settimanale di Unicredit negli anni tra il 2007 e il 2009, un trend ribassista chiaro e definito dove trovare occasioni di vendita allo scoperto sembrava essere la tecnica giusta.

3. TROVARE TITOLI INTERESSANTI QUANDO IL PREZZO GENERA BASSA VOLATILITÀ

Le occasioni di trading sono sempre dietro l’angolo, trovare un titolo interessante dal punto di vista operativo quando si trova in bassa volatilità è una tecnica molto profittevole.

Prima di tutto capiamo cosa significa bassa volatilità. Te lo spiego in termini davvero molto semplici.

I periodi di bassa volatilità sono quei periodi in cui il prezzo mette a segno degli spostamenti medi inferiori agli spostamenti medi precedenti. Se il prezzo di un titolo si muoveva mediamente di 3 punti percentuali e oggi la sua media  di 0,5 punti allora ci troviamo in bassa volatilità.

Ma cosa mi serve sapere la volatilità del prezzo?

La volatilità è ciclica, alta volatilità genere bassa volatilità. E viceversa.

Questo significa che possiamo trovare titoli interessanti osservando la volatilità perché se la volatilità è bassa significa che prima o poi esploderà di nuovo a rialzo. Periodi di bassa volatilità servono a preparare il prezzo per i grandi spostamenti.

Come faccio a capire sul grafico la volatilità?

Se ancora non riesci a colpo d’occhio puoi aiutarti con l’indicatore ATR (Average True Range), senza dilungarci troppo in questo articolo ti basta sapere che quando l’atr segna valori alti siamo in presenza di volatilità alta, mentre valori sull’atr bassi indicano volatilità bassa.

Guarda il grafico subito sotto.

Candele giapponesi e cambio volatilità

Come vedi da questo grafico quando il prezzo metteva a segno variazioni piccole (riquadro tratteggiato) il valore sull’atr era basso. La volatilità bassa si riconosce anche dalla dimensione delle candele, guarda quanto erano ristrette.

Appena la volatilità esplode verso l’alto assistiamo alla partenza di un trend rialzista non indifferente, osserva la dimensione delle candele, maggiore alle precedenti quando la volatilità è esplosa (freccia rossa sull’atr).

L’indicatore atr una volta che ha iniziato a segnare valori alti ci indicava la forte volatilità sul titolo, la volatilità è rimasta alta anche nei periodi di discesa del prezzo.

Tenere d’occhio titoli interessanti sotto il punto di vista della volatilità non può che aumentare le probabilità di trovare occasioni di trading da sfruttare, sia a rialzo che a ribasso.

Vediamo un altro esempio.

Titolo interessante con volatilità sui minimi

Nel grafico mostrato puoi vedere tu stesso come l’indicatore ATR si trova su valori minimi. Il prezzo, dopo la forte discesa, si muove in laterale con candele molto ristrette.

Questo è un titolo interessante da tenere d’occhio, se è vero che la volatilità è ciclica allora prima o poi vedremo questo titolo partire in modo deciso.

Verso l’alto o verso il basso? Non possiamo saperlo, ma possiamo tenerci pronti a sfruttare il prossimo movimento direzionale di questo titolo azionario italiano.

Come devi trovare i tuoi prossimi titoli interessanti per sfruttarli

La ricerca di titoli interessanti come occasioni di acquisto o di vendita allo scoperto è un processo che richiede metodo e costanza.

Esistono tanti titoli in Borsa e non puoi pretendere di sfruttare operativamente tutti i grafici che ti passano sotto gli occhi, dovrai selezionare i migliori e cercare di renderli profittevoli. Le azioni da comprare oggi possono non essere quelle giuste domani, dovrai sempre analizzare l’andamento in cerca di eventuali segnali di allerta.

Oggi ti ho spiegato 3 semplici metodi per cercare titoli interessanti dal punto vista grafico oppure semplici segnali di allerta che puoi trovare sugli andamenti del prezzo. Così non dovrai più leggere le azioni consigliate dagli analisti, se poi lavorano per una grossa banca allora non ascoltarli proprio!

Non abbiamo visto delle vere e proprie tecniche di trading ma dei semplici metodi di analisi generale, se vuoi sapere come entrare a mercato una volta impostata l’operazione puoi leggere questo mio articolo sulle tecniche di trading.

Una volta trovato un titolo interessante devi avere ben chiaro cosa fare, quanto investire e come prendere profitto. Tutti argomenti che affronto nel blog, fossi in te mi terrei aggiornato 😉

2 Comments
  • Vittorio
    Posted at 13:21h, 12 Gennaio Rispondi

    Complimenti ! Spiegazioni sempre semplici e chiare, anche io uso questi metodi per tenere sott’occhio i titoli.
    La volatilità poi è ottima per ottenere un’ esplosione del titolo !
    Grazie !

    • Adriano
      Posted at 14:33h, 12 Gennaio Rispondi

      Grazie Vittorio. Concordo con te. La volatilità, essendo ciclica, è un ottimo indicatore di allerta per trovare titoli interessanti su cui fare operazioni.

Post A Comment