Livelli chiave di YOOX per preparare le tue prossime operazioni sul titolo
3098
post-template-default,single,single-post,postid-3098,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Analisi tecnica YOOX

Livelli chiave di YOOX per preparare le tue prossime operazioni sul titolo

Livelli chiave di YOOX per preparare le tue prossime operazioni sul titolo

L’analisi tecnica del giorno ricade sul titolo YOOX, il prezzo dopo aver creato un gap down sembra stia trovando supporto su livelli interessanti dati da un precedente minimo.

Oggi analizziamo il titolo Yoox su diversi time frame e vediamo come poterlo sfruttare operativamente, quali sono le operazioni più adatte per un’operatività corretta a producente e come preparare l’analisi grafica.

Livelli chiave di Yoox e operazioni da fare sul titolo

Iniziamo ad analizzare il titolo YOOX con un grafico a candele settimanali.

I primi due riferimenti visivi che possiamo inserire sono delle semplici trend line, una ribassista e l’altra rialzista.

Puoi vedere il grafico di Yoox qui sotto.

Analisi tecnica Yoox grafico settimanale

Come vedi tracciando due semplici trend line abbiamo già dei riferimenti visivi non indifferenti, ma vediamo di trovare dei livelli che si avvicinino di più al prezzo.

Concentriamoci sulle ultime candele perché sembra che il livello statico di supporto, dato dal precedente minimo, stia funzionando bene.

Osserva l’immagine qui sotto, ho avvicinato l’inquadratura per mostrarti il tutto.

Livello di supporto titolo YOOX

Il livello statico di supporto sembra valido, le candele non hanno mai chiuso sotto tale livello e i prezzi sono sempre stati respinti in chiusura di periodo. Le ombre pronunciate confermano la validità del livello.

Prezzo che viene respinto e volumi che possono aiutarci ulteriormente ad analizzare la bontà del supporto.

Se osserviamo i volumi notiamo un aspetto interessante: l’aumento volumetrico si sta verificando proprio sugli scambi che avvengono a ridosso del supporto.

Ci stiamo preparando per una nuova spinta a rialzo?

Potrebbe essere, ma non corriamo.

Andiamo a vedere cosa ci dice il grafico giornaliero del titolo YOOX.

Analisi tecnica grafico giornaliero del titolo Yoox

Passiamo all’analisi del titolo Yoox con un time frame giornaliero e vediamo come si stanno evolvendo le contrattazioni sul grafico.

Puoi vederlo qui sotto

Analisi tecnica grafico giornaliero Yoox

Il prezzo si muove sul supporto che avevamo già identificato sul grafico settimanale. Le candele stanno restringendo il loro range e questo significa che siamo in presenza di un calo della volatilità, dopo la bassa volatilità c’è sempre dell’alta volatilità. Ricordalo bene.

I primi due livelli che il titolo YOOX può andare ad attaccare sono le rispettive trend line di lungo corso, le ho indicate con dei rettangoli rossi tratteggiati.

I volumi confermano gli scambi sul supporto e l’indicatore CCI è appena uscito dalla zona di ipervenduto, ma senza mettere a segno alcuna divergenza, per ora.

Le conclusioni operative possono essere due.

Operatività di trading sul titolo YOOX

Identificati i livelli sul grafico giornaliero possiamo capire eventuali operazioni da prendere in considerazione. Vediamo qualche soluzione più aggressiva e qualcuna dove temporeggiare leggermente di più.

La prima idea operativa è l’uscita del prezzo dal rettangolo formato dalle ultime candele, a rialzo o a ribasso.

Operazioni di trading su YOOX

Come vedi dal grafico si può prendere in considerazione un LONG nel caso di superamento a rialzo della fase laterale, uno SHORT sul titolo Yoox in caso di superamento a ribasso.

La prima accortezza è che dobbiamo trovare un punto vicino (e funzionale), per mettere lo stop loss, altrimenti il rischio/rendimento non sarà appagante.

Come seconda accortezza non dimentichiamoci che nel complesso il trend primario rimane ribassista, quindi un’operazione long sarebbe contraria alla spinta principale.

Per un’operatività SHORT su YOOX invece possiamo avere come riferimento la parte bassa del trading range, anche qui bisogna calcolare bene stop e target.

L’operatività meno aggressiva invece la troviamo aspettando l’avvicinamento delle candele ad una delle due trend line.

Se il prezzo va a toccare la trend line superiore, un’entrata short (dopo la conferma di volumi, CCI, e correlazioni varie), sembrerebbe davvero un bel trade con rischio/rendimento molto interessante.

Se vuoi scoprire come entrare a mercato in queste situazioni puoi leggere l’articolo sulle tecniche di trading, magari trovi spunti interessanti.

Inseriamo gli alert e aspettiamo l’evolversi 😉

No Comments

Post A Comment