7 parametri per comprare azioni vincenti utilizzati dagli analisti
2778
post-template-default,single,single-post,postid-2778,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

7 parametri per comprare azioni vincenti utilizzati dagli analisti

7 parametri per comprare azioni vincenti utilizzati dagli analisti

Comprare azioni richiede tempo e strategie per investire che siano profittevoli nel lungo periodo. Le azioni migliori da comprare sono sotto gli occhi di tutti eppure spesso ci manca qualcosa che sia utile dal punto di vista operativo per farci entrare in acquisto su di un titolo.

Se sei appassionato del mondo della finanza e dell’analisi tecnica conoscerai sicuramente il trader Larry Williams. Un trader che ha scritto molti libri sul trading e manuali dove spiega come comprare azioni seguendo i suoi semplici consigli e controllando alcuni fattori inerenti al titolo.

Oggi voglio spiegarti 7 parametri che Larry Williams spiega nel suo libro e che vengono adottati dagli analisti e dagli investitori.

I 7 parametri per comprare azioni vincenti

Vediamo quali sono i fattori considerati dagli analisti per comprare le azioni migliori ed ottenere una performance interessante nel tempo.

Sono alcuni punti che deviano dall’analisi tecnica e si orientano più sui fondamentali del titolo preso in esame. Nel suo libro “Investire al momento giusto” Larry Williams spiega come questi 7 parametri per scegliere i migliori titoli da comprare, possono aiutare l’investitore in un’ottica di medio lungo periodo.

Questi sono i 7 parametri condivisi dagli analisti tecnici ed in generale dagli investitori.

Analizziamoli subito.


1. RAPPORTO PREZZO/UTILI (P/E)

La misurazione del rapporto tra il prezzo delle azioni e gli utili societari è il valore universalmente riconosciuto dagli analisti. Comprare azioni come ottica di investimento senza guardare il P/E è sconsigliato.

Per costruire questo rapporto si prende in considerazione il prezzo attuale delle azioni e i gli utili conseguiti fino a quel momento. Più è elevato questo valore più stai pagando per comprare quelle azioni. Generalmente gli analisti consigliano azioni con un P/E basso perché in ottica futura indicano buone probabilità di crescita.


2. RAPPORTO PREZZO/LIBRO

Il rapporto prezzo/libro viene ricavato dividendo la quotazione attuale del titolo per il valore libro di ogni azione.

Il valore libro, chiamato anche valore contabile, si riferisce al patrimonio netto iscritto in bilancio. Più basso è il rapporto, migliori sono le prospettive di crescita visto che l’investitore sta comprando azioni con un valore molto vicino al valore di liquidazione dei beni posseduti dall’azienda.


3. RAPPORTO PREZZO/CASH FLOW

Un altro rapporto per capire quali azioni comprare è il rapporto tra il prezzo ed il cash flow. Il rapporto lo ottieni dividendo la quotazione di mercato del titolo per il cash flow dell’azienda.Comprare azioni vincenti

Gli analisti che tengono conto di questo parametro per comprare azioni cercano un valore abbastanza basso ipotizzando che il titolo possa fare meglio in futuro. Molti tengono conto di questo fattore perché viene considerato più difficile da mascherare, o truccare, rispetto al valore prezzo/utili.


4. RAPPORTO PREZZO/FATTURATO

Il rapporto prezzo/fatturato si ottiene calcolando il rapporto tra la quotazione di mercato dell’azione rispetto al fatturato totale annuo dell’azienda.

Un valore elevato di questo rapporto ha solitamente implicazioni ribassiste, mentre un valore basso ha potenziale rialzista. Se non sai se comprare una certa azioni fai caso anche a questo parametro.


5. COMPRARE AZIONI IN BASE AL RENDIMENTO

I dividendi pagati dall’azienda, in percentuale, sono un ottimo parametro per comprare azioni in grado di offrire buone performance.

Acquistare un titolo che paga ottimi dividendi permette di avere due vantaggi:

  1. Compri le azioni di un’azienda in grado di generare utili
  2. Compri un potenziale titolo con prospettive di crescita
Questo parametro mette in evidenzia il rendimento che l’azione riceve, per il solo fatto di essere detenuta in portafoglio, fattori che analisti analizzano prima di comprare azioni.


6. RETURN ON EQUITY ( ROE)

Questo parametro viene usato da molto tempo e misura la redditività del capitale proprio dell’azienda.

Si ottiene dividendo l’utile netto per il capitale proprio. Il numero va poi moltiplicato per 100 per essere espresso in percentuale. Più alto è questo valore più risulta positiva l’analisi del titolo.


7. FORZA RELATIVA

La forza relativa è l’ultima misura di valore di cui voglio parlarti.

È un parametro utilizzato meno dagli analisti ma che può risultare molto utile nella scelta delle azioni migliori da comprare. Consiste nel confrontare due titoli, oppure un indice, per scegliere di comprare le azioni del titolo che ha performato meglio negli ultimi 12 mesi.

La logica dietro questo confronto è che se un titolo ha performato meglio nel passato ci sono buone probabilità che lo faccia anche in futuro.

COMPRARE AZIONI CON BUONI RENDIMENTI FUTURI: analisi tecnica VS analisi fondamentale

Abbiamo visto come questi semplici 7 parametri possono aiutarci a valutare quali azioni comprare per avere buone probabilità di vedere il loro valore crescere nel medio/lungo periodo.

C’è chi si affida più ad un parametro piuttosto che ad un altro, l’importante è vedere il valore dell’azione comprata aumentare. Tutto il resto è secondario.

I 7 parametri appena visti sono da considerarsi un grosso bagaglio per quanto riguarda l’analisi fondamentale delle società quotate, ma devo svelarti un segreto: io non utilizzo questi parametri!

Non li utilizzo perché sono considerazioni da fare nel caso di acquisti di titoli in ottica di investimenti medio/lunghi, la mia operatività consiste nello sfruttare trend brevi che si muovono su cicli mensili.

Qual è la soluzione migliore per sapere quali azioni comprare? Dipende da te. Da come operi sui mercati e dal metodo che adotti per scegliere le azioni da comprare.

Io sono un’amante dell’analisi tecnica e baso la mia operatività quasi esclusivamente sull’analisi del prezzo e dell’andamento grafico di un titolo. Mi concentro principalmente sul listino principale FTSEMIB ed evito di fare trading sui titoli a bassa capitalizzazione per via dello spread tra denaro e lettera.

Se vuoi imparare a fare quello che faccio io allora tieniti aggiornato sul blog, ho tanto materiale da farti studiare 😉

No Comments

Post A Comment